Archivi categoria: Pubblicazioni

Giallorossi n. 81 – Marzo 1979

Niente poster in questo Giallorossi n. 81 – Marzo 1979 e non sappiamo nemmeno qual è (chi lo sa ci contatti), ma in compenso è presente l’inserto La voce del Tifoso da pag. 129 a pag. 136.

Il prezzo è salito da Lit. 750 (€ 2,22 di oggi) a Lit. 1.000 (€ 2,96) quindi da € 2,00 a € 3,00, se arrotondate per eccesso e per difetto.

IN COPERTINA: Perché Andy, il napoletano di Brooklyn sulla copertina di “Giallorossi”? Per il semplice motivo che la “spalla” silenziosa di Renzo Arbore nella trasmissione televisiva de “L’altra domenica” nel breve volgere di un paio di mesi è diventato famoso per la sua filosofia del “bbuono” e del “no bbuono”. La Roma del nostro cuore e dei nostri pensieri non va come tutti si aspettavano dopo gli acquisti di Pruzzo e di Spinosi. Ed è proprio con la faccia “spiritata” di Andy e con il suo “no bbuono!” che vogliamo sintetizzare il periodo nero del club romanista. Al tempo stesso vogliamo aggiungere in segno di speranza e di augurio che la tempesta passerà e tornerà il sereno così come cantava Giacomo Leopardi, il poeta del pessimismo.

Giallorossi n. 80 – Febbraio 1979

In copertina per questo Giallorossi n. 80 – Febbraio 1979 Franco Tancredi al suo esordio in serie A, stringe la mano a Franco Superchi dopo l’incontro Verona-Roma del 28 gennaio 1979 e finito per 2-0 (doppietta di Ugolotti). Il destino (con l’aiuto del Calciomercato) li farà giocare nella stessa squadra un paio di anni dopo… e che squadra!

È presente l’inserto La voce del Tifoso da pag. 121 a pag. 128, mentre il poster è uno di quelli fantasma, chi sa parli, garantiamo l’anonimato se richiesto. 😀

IN COPERTINA: Perché Tancredi in copertina? Il “secondo” di Paolo Conti, il numero uno in Italia, ha fatto il fenomeno contro il Verona in una partita che rivestiva capitale importanza per il futuro della Roma. Ebbene Tancredi, entrato nella ripresa al posto del “baffo” romagnolo, si è reso protagonista di un incontro memorabile. Parate d’eccezioni, interventi volanti tali da suscitare l’ammirazione dei tifosi giallorossi. È quindi, il nostro, un riconoscimento di un portiere che, da un anno e mezzo, vive le sue giornate in silenzio, allenandosi con esemplare scrupolosità. Lo stesso Paolo Conti ne è entusiasta: la stretta di mano tra Tancredi e Superchi: un giusto premio da parte dell’anziano quanto valido portiere veronese al giovane della Roma.

Giallorossi n. 79 – Gennaio 1979

In copertina di Giallorossi n. 79 – Gennaio 1979 Paolo Conti è festeggiato dai compagni di squadra a fine partita vinta 1-0 contro la Juventus, del 17 gennaio 1979.
In questo incontro è inaugurata la maglietta Pouchain soprannominata anche “ghiacciolo” o “aranciata Fanta”. Il logo dello sponsor tecnico è bianco e verde (detto “mezzaluna”) e verrà usato sino a Bologna-Roma 1-2 del 18 Febbraio 1979, per essere sostituito dal più conosciuto logo con la “P” stilizzata chiamato anche “pescetto” o “fiocco”.

Contiene l’inserto La voce del Tifoso da pag. 113 a pag. 120 e il poster di Agostino Di Bartolomei autore del gol della vittoria sulla Juventus.

IN COPERTINA: Paolo Conti alla ribalta. Un portiere tornato più forte che mai, proprio nei confronti diretti con Zoff e Bordon. È bene subito chiarire però che Conti non ama facili pettegolezzi anzi, rifugge con sdegno ogni forma di paragoni. Nel bene e nel male il portiere della Roma è un vero professionista. Ecco perchè le due grandi prestazioni registrate in occasione delle gare con la Juventus e con l’lnter non lo hanno minimamente scosso. Nella foto che dice tutto, Peccenini, Spinosi e Pruzzo si complimentano con il giocatore romagnolo, autore di splendidi se non eccezionali interventi.

Giallorossi n. 78 – Dicembre 1978

In copertina su Giallorossi n. 78 – Dicembre 1978 Ferruccio Valcareggi subentrato a Gustavo Giagnoni alla guida della squadra (coadiuvato dall’allenatore della Primavera Giorgio Bravi) dopo solo sei giornate di Campionato.
La foto che vede da sinistra: Bravi, De Paolis, Tancredi, Casaroli (coperto), De Nadai, Minaccioni e in piedi Valcareggi, è stata scattata durante il derby Lazio-Roma 0-0 del 12 novembre 1978.

Contiene l’inserto La voce del Tifoso da pag. 105 a pag. 112 e il poster di Paolo Borelli.

IN COPERTINA: Ferruccio Valcareggi, un autentico personaggio del calcio italiano caro ai tifosi. L’ex C.T. delle squadre azzurre ha smentito seccamente di essersi pentito nell’aver accettato la guida dei giallorossi, Oggi, più che mai, Valcareggi è sul sentiero di guerra per le fortune della Roma.

Giallorossi n. 77 – Novembre 1978

Giallorossi n. 77 – Novembre 1978 in linea oggi contiene l’inserto La voce del Tifoso da pag. 97 a pag. 104, ma – come premesso un paio di articoli fa – nessuna traccia del poster, però nell’angolo in basso a destra della copertina c’è il richiamo al buono sconto da ritagliare a pagina 23 (e stavolta in maniera intelligente, visto che nella pagina opposta c’è una pubblicità alla rivista della stessa misura) e che permette uno sconto di ben Lit. 400 per l’acquisto del 45 giri dell’inno “Roma Roma Roma” (che richiama l’incipit di “Roma (non si discute si ama)” di Antonello Venditti!), della Nuova Compagnia del Canto Romano, alias Avio Di Fabio e Giancarlo Giomarelli. In rete abbiamo trovato nulla, giusto qualche sporadica traccia su Di Fabio in quanto autore di canzoni (dei ticket della SIAE), se qualcuno dovesse saperne di più ci contatti o taccia per sempre.
Rocca torna in campo e trova il completo arancione al suo esordio in campionato. Questa divisa durerà poco e niente perché sostituita di lì a breve… ma ne parliamo fra un paio di numeri.

IN COPERTINA: La gara contro il Bologna ha visto il rientro tanto atteso di Francesco Rocca. Con queste immagini vogliamo fare anche noi omaggio al giovane atleta giallorosso, certamente il più amato dai tifosi romanisti. Lo vediamo in due momenti della gara e prima dell’inizio quando ha posato con i compagni: è una foto che assume un aspetto quasi storico.

Giallorossi n. 76 – Ottobre 1978 (supplemento)

Pubblicazione a supplemento del numero di ottobre, questo Giallorossi n. 76 – Ottobre 1978, poche pagine – sedici – prezzo ridotto – Lit. 500 – ma ricco di contenuti, infatti, oltre al solito inserto La voce del Tifoso (da pag. 89 a pag. 96), troviamo un secondo inserto di quattro pagine, Le emozioni da… conservare, con le illustrazioni di alcune azioni salienti delle prime due partite di campionato: Verona-Roma 1-1 del 1° ottobre 1978 e Roma-Milan 0-3 dell’8 ottobre 1978. L’intero allegato è a cura della PS4, che non è una console, ma una società di pubblicità e marketing che aveva sede nel rione Prati.
Data la natura “minima” della pubblicazione non è presente il poster, ma lo sostituisce il centro pagina del calendario della Serie A 1978/79, incluso nella Voce del Tifoso così, per non sbagliare, l’abbiamo messo sia all’interno del pdf dell’allegato che da solo nella sezione poster.
In controcopertina (o retro o quarta, come preferite) le foto dell’inaugurazione del “Roma Shop”, un negozio di articoli dell’A.S. Roma (maglie, tute, impermeabili, etc.) ricavata dai vani presenti nella Curva Sud del vecchio Stadio Olimpico e voluta dal presidente Anzalone.

IN COPERTINA: Pruzzo palla al piede, fronteggiato da Bet. Un’immagine inconsueta di Roma-Milan ove il centravanti romanista ha toccato sì e no una decina di palloni, abbandonato al proprio destino, in area avversaria. Pruzzo ha svariato sul fronte d’attacco con caparbietà, è rientrato a dar man forte, ha cercato di concludere da par suo. Ma quando il pallone non arriva cosa si può fare di più?

Giallorossi n. 75 – Ottobre 1978

Cambio del logo sulla copertina di Giallorossi n. 75 – Ottobre 1978, dopo ben sette anni la Lupa capitolina che allatta Romolo e Remo lascia il posto al lupetto stilizzato creato da Piero Gratton (che ci ha lasciato lo scorso aprile) in un’impresa di marketing rivoluzionaria e ante-litteram ideata dal presidente Anzalone e meglio spiegata nell’articolo a pag. 8.
Potrà sembrare strano, ma ai tempi non c’era tutta la gadgetteria che si trova al giorno d’oggi, era iniziativa di privati e – per lo più – senza autorizzazione ufficiale.

Sempre presente l’inserto La voce del Tifoso che va da pag. 81 a pag. 88; manca il poster gigante della Squadra 1978/79, però – leggendo il concorso a premi di cui è oggetto a pagina 36 – abbiamo scoperto che è identico alla foto di copertina, così abbiamo ricreato una replica (o facsimile) al meglio delle nostre possibilità e inserita nella sezione Poster.
La foto è stata scattata prima dell’incontro di Coppa Italia Ternana-Roma 0-1 (Di Bartolomei) del 3 settembre 1978.

Sempre in tema di poster, da questo numero cominciano a mancare a “macchia di leopardo”, oppure ne abbiamo alcuni che non sappiano di quale numero fanno parte, ma in merito creeremo quanto prima una sezione apposita.
Il prezzo di copertina è di Lit. 1.200, ma solo per l’aggiunta del mega-poster, già da due numeri dopo tornerà alle consuete Lit. 750. Perché due numeri dopo? Tempo al tempo.

IN COPERTINA: Questa volta abbiamo scelto la squadra. Un omaggio ai nuovi “lupi” un augurio per il futuro, dopo un avvio incerto, con risultati alternati. Il tutto stondato sul neo-marchio, quella “R” che deve portar fortuna alla squadra di Anzalone.

Giallorossi n. 74 – Luglio 1978

Numero estivo questo Giallorossi n. 74 – Luglio 1978 che, solitamente, tratta le cessioni e gli acquisti del Calciomercato, ma la copertina anticipa (o conferma, fate voi) il clamoroso acquisto di Anzalone: Roberto Pruzzo, il bomber che tante soddisfazioni darà alla Roma e ai suoi tifosi.

Inserto La voce del Tifoso da pag. 73 a pag. 80 e poster della Primavera Campione d’Italia 1977-1978.

IN COPERTINA: Roberto Pruzzo ha fatto felici i tifosi della Roma. Ma ciò che lo ha reso subito popolare è stata una sua dichiarazione in merito ad una possibile “revisione” dei contratti: “Sto bene alla Roma e non mi muovo” Pruzzo è già uno dei nostri. L’acquisto del “bomber”, un colpo da maestro del duo Anzalone-Moggi ha spezzato l’egemonia del calcio-mercato proteso sempre in favore dei grandi club del nord. Non a caso Liedholm ha sostenuto che Pruzzo era nei suoi piani e in quelli del Milan. Come se non bastasse, a Milano, abbiamo appreso che il centravanti ligure era corteggiato anche da Juventus e Fiorentina oltre che dal Napoli. Brava Roma!

Giallorossi n. 73 – giugno 1978

Come è già accaduto in qualche numero precedente anche in questo Giallorossi n. 73 – giugno 1978 manca il commento (o nota) alla copertina nella pagina dei crediti, così, proviamo a farlo noi:

Gaetano Anzalone nella cucina del Centro Assistenziale San Tarcisio, una struttura voluta e finanziata dal Presidente e volta ad aiutare i ragazzi senza famiglia all’avviamento verso la vita sociale. Da quella struttura sono usciti fior di magistrati, manager, avvocati, operai, artigiani, etc.

All’interno l’inserto La voce del Tifoso da pag. 65 a pag. 72 e il poster di Franco Tancredi.

Giallorossi n. 72 – Maggio 1978

C’è sempre un giallorosso da piazzare in Nazionale e quello in copertina su Giallorossi n. 72 – Maggio 1978 è un giocatore che, negli anni, ha fatto la differenza per la Roma. Purtroppo, il 4° posto – seppure onorevole – in Argentina, ha dato ragione alla redazione. Con gli anni Bearzot si sarebbe rifatto, però vedere Agostino, Sergio Santarini e Paolo Conti al Campionato del Mondo di Calcio 1978 ci avrebbe fatto piacere.

Contiene l’inserto La voce del Tifoso da pag. 57 a pag. 64 e il poster di Guido Ugolotti

IN COPERTINA: L’azzurro dona a Di Bartolomei, ma Bearzot, malgrado la Sperimentale a Verona fosse in… “via di guarigione”, l’ha lasciato ostinatamente in panchina. Un errore piuttosto vistoso del tecnico azzurro.